Василиса▶ Я жду вашего обращения. Что Вы хотите узнать?
Логотип
recitazione nell'Enciclopedia Treccani Istituto Chi Siamo La nostra storia Magazine Agenda Atlante Il Chiasmo Diritto Il Tascabile Le Parole Valgono Lingua italiana WebTv Catalogo Le Opere Bottega Treccani Gli Ebook Le App Skill Le Nostre Sedi Scuola Vai al portale Libri Vai al portale Arte Vai al portale Treccani Cultura Chi Siamo Progetti Progetti Speciali Iniziative Cultura Eventi Sala Igea
Istituto + Chi Siamo La nostra storia Magazine + Agenda Atlante Il Chiasmo Diritto Il Tascabile Le Parole Valgono Lingua italiana WebTv Catalogo + Le Opere Bottega Treccani Gli Ebook Le App Skill Le Nostre Sedi biografico + Presentazione Elenco voci Italiani della Repubblica Scuola + Vai al portale Libri + Vai al portale Arte + Vai al portale Treccani Cultura + Chi Siamo Progetti Progetti Speciali Iniziative Cultura Eventi Sala Igea Area riservata + Vai all'area riservata

Area riservata

hai dimenticato la password?
nuovo in treccani? registrati ora Accedi all'area riservata come: Lorem ipsum Esci recitazione Enciclopedia on line Condividi

recitazione Lettura in pubblico o dizione a memoria di un testo, o interpretazione di un’opera o di parte di un’opera teatrale, cinematografica, radiofonica o televisiva.

1. La r. teatrale 1.1 Storia

1.1 Storia In età classica si distingue una r. con la maschera (tragica e comica) e una senza maschera (mimo e pantomimo). In la r. raggiunge il suo apogeo nel 4° sec. a.C.; a nel 1° sec. a.C. (Roscio, attore comico). I primi secoli dell’era cristiana sono caratterizzati, oltre che dalla comparsa delle donne sulla scena, dal predominio dell’arte pantomimica introdotta dagli orientali.

Dal 5°-6° sec., cessato l’uso di rappresentare tragedie e commedie, la r. si riduce all’arte imitativa e onomatopeica di mimi isolati e poi a quella, pure monologante, dei giullari. Soltanto nel tardo Medioevo, dal 12° sec., una r. sia pure elementare torna a essere praticata nel mondo cristiano per dar vita scenica al dramma sacro.

Nel Cinquecento, con il ritorno alla rappresentazione di commedie e tragedie classiche, si distingue una r. aulica, tendente a privilegiare il testo scritto, e una r. dei comici italiani dell’arte, reinventori della r. all’impronta (senza testo scritto) e di una tecnica dell’attore basata su un rigoroso impiego di tutti i mezzi espressivi del corpo umano. Fu Molière nel Seicento a operare la fusione tra r. classicista e tecnica dei comici dell’arte. Il Settecento è in tutta delle querelle teoriche sulla r. teatrale (F.A.V. Riccoboni, P. Rémond de Sainte-Albine, G.E. Lessing, , J.-J. Rousseau), che nell’Ottocento lasciarono il posto alla trionfante ascesa del ‘grande attore’ romantico, alla ricerca di una ‘verità’ fondata sulla rappresentazione delle passioni. La fine del secolo vede la breve stagione della r. naturalista e verista, la quale nel Novecento genera una reazione che porta la r. al recupero di forme e convenzioni lontane nel tempo e nello spazio (commedia dell’arte, teatro elisabettiano, teatri orientali, primitivi) e alla rottura del quadro scenico ‘all’italiana’.

1.2 Estetica

1.2 Estetica Alla base di ogni riflessione estetica sulla r. sta il suo rapporto con il testo recitato. La questione è già posta da Aristotele, che tuttavia si limita a distinguere le due sfere: «Cercar di promuovere questi sentimenti, il terrore e la pietà della favola, mediante lo spettacolo scenico è cosa che non ha a che fare con l’arte del poeta e ci deve pensare il corego» ( Poetica , 14, 1453 b 7-8). Dalle correnti filosofiche che si rifanno alla concezione aristotelica, fondata sulla verosimiglianza e sulla razionalità del fantasma poetico, discendono le poetiche del teatro naturalista (É. Zola, , K.S. Stanislavskij) e alcune antinaturaliste ( , ). La tesi opposta ha invece trovato il suo fondamento nell’estetica romantica (poesia come rivelazione, raggiungibile solo per via intuitiva) e a essa possono ricondursi le poetiche orientate a rovesciare la ‘drammaticità’ del testo nella ‘teatralità’ dello spettacolo (E.G. Craig, A.J. Tairov ecc.).

Problema ancor più specifico è quello del rapporto tra attore e personaggio. L’attore presta al personaggio un fisico, un volto, una voce; ma, oltre la fisicità, l’attore dovrà rendere anche affettivo e spirituale del personaggio: dovrà in qualche modo prestargli anche dei sentimenti, delle passioni. Nella natura e modalità di tale processo consiste la polemica tra ‘emozionalisti’ e ‘antiemozionalisti’. I primi sostengono l’impossibilità di recitare sentimenti mai provati e ritengono che la qualità somma dell’artista drammatico sia la sensibilità. Al contrario per i secondi (caposcuola Diderot con il suo Paradoxe sur le comédien ) occorre distinguere nettamente tra sentimento ed espressione del sentimento: la quale ultima è frutto soltanto della fantasia guidata dalla razionalità.

A tale polemica si riallaccia anche il dibattito sulla immedesimazione dell’attore nel personaggio. La storia del teatro presenta numerosissime soluzioni raggruppabili secondo due opposti indirizzi: quello che parte da esercizi esterni per giungere a suscitare un movimento interiore (per es., i trattati ottocenteschi di ‘pose sceniche’) e quello che al contrario propone all’attore di iniziare dalla concentrazione interiore per provocare poi spontaneamente l’espressione mimica e gestuale (Stanislavskij). Da rilevare che altre scuole (V.E. Mejerchol′d, A.J. Tairov) hanno negato la necessità di una immedesimazione dell’attore nel personaggio e hanno quindi adottato metodi opposti, basati sulla stilizzazione, sulla ‘biomeccanica’ e sull’acrobatica. Dalla stessa negazione ha mosso Brecht per la teoria della r. ‘straniata’ : l’interprete non deve diventare il personaggio ma presentarlo allo spettatore nella sua dialettica. Da ricordare, inoltre, la teoria della r. di E.G. Craig, che definisce l’attore una sorta di super-marionetta al servizio del regista, e quella di , che propone una r. che fa dell’interprete l’espressione di un «conflitto di posizioni spirituali, scarnite e ridotte a puri gesti», concezione questa che avrà grande influenza sia sul

2. La r. cinematografica

Pur essendo profondamente influenzata dalle tradizioni della r. teatrale, la r. cinematografica ha sviluppato tecniche proprie. Agli inizi il cinema si apre soprattutto ai mimi, ai clown, agli attori che provengono dal circo e dal music-hall. Già ai primi del Novecento, tuttavia, il proposito di nobilitare il livello estetico e sociale del cinema e insieme di sfruttare la notorietà degli attori teatrali, induce le case di produzione a reclutare i divi più noti della scena (come e E. Duse), senza però ottenere gli esiti sperati: l’inquadratura, che amplifica la gestualità, non rende un buon servizio ai celebri interpreti, che appaiono eccessivi e a tratti ridicoli. In seguito, la scoperta del montaggio e dell’articolazione dei piani, del valore espressivo dell’illuminazione e della possibilità di far ‘recitare’ oggetti, ambienti, costumi, modifica in profondità il metodo della r. cinematografica, nella quale del corpo si iscrive in un continuum che comprende l’inquadratura e quanto compare prima e dopo di essa.

3. Scuole di recitazione

Scuole di r. pubbliche si ebbero solo a partire dalla fine dell’Ottocento, generalmente annesse a teatri d’arte o sovvenzionate. In furono numerose le scuole di r. private, mentre la prima scuola di r. pubblica fu istituita a nel 1881 da . L’unica scuola di r. statale attualmente esistente fu istituita a Roma da e intitolata (1924) a E. Duse; trasformata in Accademia nazionale d’arte drammatica, è stata poi intitolata a S. d’Amico che la diresse per molti anni. Nel dopoguerra, come emanazione dei Teatri stabili, sono sorte numerose scuole di r. che affiancano l’attività degli stessi teatri.

Vedi anche cinema Il complesso delle attività artistiche, tecniche, industriali che concorrono alla realizzazione di spettacoli cinematografici (film) e anche l’insieme di questi, come opera complessiva, in quanto concreta espressione d’arte nel campo della fantasia o strumento d’informazione, di documentazione scientifica, ... dramma Componimento letterario destinato alla rappresentazione sulla scena; comprende quindi, oltre al dramma propriamente detto, la tragedia, la commedia, la farsa ecc. 1. dramma satiresco Antica forma di rappresentazione drammatica greca (σατυρικὸν δρᾶμα o Σάτυροι), in cui il coro era composto stabilmente ... tragedia Opera e rappresentazione drammatica che si caratterizza, oltre che per il tono e lo stile elevato, per uno svolgimento e soprattutto una conclusione segnati da fatti luttuosi e violenti, da gravi sventure e sofferenze. 1. L’età classica 1. La tragedia greca. La tragedia di Eschilo, Sofocle, Euripide, ... commèdia commèdia Secondo la definizione invalsa nel 16° sec., rappresentazione scenica, generalmente in versi, di una vicenda tratta dalla vita comune, che, attraverso un susseguirsi di casi divertenti, si risolve lietamente. Sopravvive oggi come forma d’arte drammatica pressoché unica, in cui però il lieto ... Indice 11.11.223 Categorie TEMI GENERALI in Teatro TEMI GENERALI in Cinema Tag Altri risultati per recitazione
RECITAZIONE
Enciclopedia del Cinema (2004)Fin dalle origini del cinema la r. si orientò nelle due direzioni adottate dalla nascente industria, da una parte il trasferimento dell'attore di teatro davanti all'operatore, dall'altra l'adozione di figure e volti non professionali ma con il dono della fotogenia, 'presi dalla vita' secondo una terminologia ...
RECITAZIONE
Enciclopedia Italiana - V Appendice (1994)(XXVIII, p. 958) Cinematografia. - Inconfondibilmente diversa da quella teatrale, la r. cinematografica implica l'uso di risorse espressive consone alle potenzialità della macchina da presa e del montaggio. Attivando una dinamica economia del tempo e dello spazio, il linguaggio cinematografico elimina ...
RECITAZIONE
Enciclopedia Italiana (1935)Recitatio significò in origine, presso i Latini, "lettura di documenti nella trattazione di una causa" e recitare "fare l'appello, in giudizio, delle persone già precedentemente citate"; significò poi leggere in pubblico uno scritto o un'opera propria, dire a memoria un brano di poesia o di prosa oppure ... Vocabolario recitazióne recitazióne s. f. [dal lat. recitatio -onis]. – L’azione, l’attività, l’arte e la tecnica, il modo stesso di recitare, sia come lettura in pubblico o dizione a memoria di un testo, sia (recitazione teatrale) come interpretazione di un’opera o di parte... recitativo recitativo agg. e s. m. [der. di recitare]. – In musica, modo o stile recitativo, e come s. m. recitativo, modo di cantare che, pur intonato su note e accompagnato per lo più dall’orchestra o da uno strumento, non costituisce una melodia in sé conclusa... Contenuti consigliati0 Istituto Chi Siamo La nostra storia Magazine Agenda Atlante Il Chiasmo Diritto Il Tascabile Le Parole Valgono Lingua italiana WebTv Catalogo Le Opere Bottega Treccani Gli Ebook Le App Skill Le Nostre Sedi Scuola Vai al portale Libri Vai al portale Arte Vai al portale Treccani Cultura Chi Siamo Progetti Progetti Speciali Iniziative Cultura Eventi Sala Igea Ricerca Enciclopedia Vocabolario Sinonimi Biografico Indice Alfabetico Treccani © All rights ReservedPartita Iva 00892411000 Contatti Redazione Termini e Condizioni generali Condizioni di utilizzo dei Servizi Informazioni sui Cookie Trattamento dei dati personali
© 2014-2020 ЯВИКС - все права защищены.
Наши контакты/Карта ссылок